Domande e risposte per l’attuazione dei PON 2014/2020

Domande e risposte per l’attuazione dei PON 2014/2020

La Tecnica della Scuola  –  Lara La Gatta –   Lunedì, 10 Agosto 2015

Il Miur ha pubblicato nei giorni scorsi una serie di faq relativi all’avviso PON lan/wlan della nuova programmazione.

Le faq, allegate all’avviso prot. n. 9035 del 13/07/2015 per la realizzazione, l’ampliamento o l’adeguamento delle infrastrutture di rete lan/wlan, spiegano come presentare la candidatura utilizzando la piattaforma GPU/INDIRE che sarà disponibile dal 7 settembre al 9 ottobre 2015.

Ricordiamo che l’azione è rivolta a tutte le istituzioni scolastiche statali di ogni ordine e grado delle regioni: Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Molise, Piemonte, Puglia, Sardegna, Sicilia, Toscana, Umbria e Veneto (Val d’Aosta, Provincia Autonoma di Trento e Provincia Autonoma di Bolzano parteciperanno ad una procedura specifica).

In particolare, il primo avviso della nuova programmazione finanzia due tipologie di progetti:

  1. a) realizzazione dell’infrastruttura e dei punti di accesso alla rete LAN/WLAN
  2. b) ampliamento o adeguamento dell’infrastruttura e dei punti di accesso alla rete LAN/WLAN

Ogni scuola può presentare un progetto, dai seguenti importi massimi:

Progetto a)

– per le istituzioni scolastiche con meno di 1.200 alunni il progetto non può superare la somma di euro 15.000;

– per le istituzioni scolastiche con più di 1.200 alunni il progetto non può superare la somma di euro 18.500,00;

– per le istituzioni scolastiche con più di 3 plessi, indipendentemente dal numero degli alunni, il progetto, purché riguardi almeno 3 plessi, non può superare la somma di euro 18.500,00.

Progetto b)

– per gli interventi di ampliamento o adeguamento dell’infrastruttura e dei punti di accesso alla rete LAN/WLAN, il massimale è per tutte le istituzioni scolastiche di euro 7.500,00.

Riportiamo di seguito le prime faq pubblicate dal Miur.

 

Ai fini della candidatura sono valide le delibere degli OO.CC. con data antecedente alla pubblicazione dell’avviso?

Le delibere degli OO.CC. devono riportare data successiva la pubblicazione dell’avviso.

 

Il progetto deve individuare dettagliatamente le attrezzature ed i materiali che si intendono acquistare per la realizzazione del laboratorio/aula multimediale? Ai fini dell’inserimento on-line è necessaria anche una dettagliata descrizione delle finalità metodologico-didattiche?

Il progetto da presentare in sede di Collegio dei docenti prima, e Consiglio di Istituto poi, deve essere molto puntuale e dettagliato e prevedere tutti i requisiti indicati sull’avviso prot. 9035 del 13/07/2015 (par. 3 “Modalità di partecipazione”, pg.6 e ss. – punto elenco). Come modello per la redazione del progetto può essere utilizzato il format previsto dalle Schede Descrittive dei Progetti del POF, completo dei requisiti di cui sopra.

 

È possibile iniziare ad implementare la piattaforma prima della data di apertura alle candidature (07/09/2015) indicata nell’avviso?

No, la piattaforma GPU/INDIRE verrà attivata in concomitanza con l’apertura alle candidature (07/09/2015). Si consiglia, tuttavia, di definire la proposta progettuale seguendo le indicazioni riportate nell’avviso e nel relativo Allegato 1 (Manuale operativo) al fine di accelerare le operazioni di caricamento in piattaforma.

 

Un’istituzione superiore costituita 1.300 allievi distribuiti su tre plessi, ubicati in luoghi diversi della città, con molteplici indirizzi di studio, ha un unico codice meccanografico ma 3 codici meccanografici per gli organici. Nel plesso più grande, che accoglie circa 900 studenti, esiste già la cablatura LAN di tutti gli ambienti didattici, ma si vorrebbe richiedere la realizzazione anche di una rete wireless (WLAN) per l’uso didattico di supporti informatici degli studenti come tablet, pc, etc. Nei 2 plessi più piccoli, che accolgono circa 200 allievi ciascuno, si vuole invece realizzare una cablatura LAN degli ambienti scolastici.

1- La scuola ha titolo a partecipare ad uno o due bandi?

2- Se avesse titolo a partecipare a solo un bando, qual è l’entità della cifra disponibile?

3- È possibile definire nel progetto l’ articolazione per realizzare entrambi gli interventi ( parte WLAN e parte LAN) ?

1- La scuola può partecipare al bando candidandosi per una sola delle 2 sotto-azioni previste (A1 Realizzazione dell’infrastruttura e dei punti di accesso alla rete LAN/WLAN; A2 Ampliamento o adeguamento dell’infrastruttura e dei punti di accesso alla rete LAN/WLAN, con potenziamento del cablaggio fisico ed aggiunta di nuovi apparati). Se la scuola non ha beneficiato del finanziamento di cui all’Avviso prot. n. 2800/2013, può scegliere se presentare un progetto per la realizzazione dell’infrastruttura di rete (sotto azione A1) o per l’ampliamento dell’infrastruttura di rete (sotto azione A2).

2- Poiché codesta istituzione scolastica (univocamente identificata con un meccanografico) registra un numero di alunni maggiore di 1200 ha diritto a presentare un progetto con un importo massimo di 18.500 €.

3- All’interno di un progetto possono essere previste più tipologie di intervento (nello specifico si può presentare un progetto che preveda un sistema di rete misto LAN e WLAN), nonché l’acquisto dei beni indicati nella circolare al paragrafo 3.6 lettera C. Forniture.

 

I CPIA rientrano tra i beneficiari del presente avviso?

L’avviso prot. n. AOODGEFID/9035 del 13/07/2015 per la realizzazione, l’ampliamento o l’adeguamento delle infrastrutture di rete LAN/WLAN non include tra i beneficiari i CPIA. Per questi ultimi è prevista la pubblicazione di avvisi ad hoc che includeranno sia interventi infrastrutturali di rete, sia azioni mirate per l’innovazione tecnologica e i laboratori.

 

Possono considerarsi tra i destinatari dell’avviso anche i Conservatori Statali di Musica?

No, i Conservatori Statali non fanno parte dei beneficiari del PON “Per la Scuola” poiché di competenza dell’AFAM.

 

Qual è il documento richiesto ai fini dell’autorizzazione da parte dell’ente locale alla realizzazione o ampliamento dell’infrastruttura?

In fase di candidatura è necessario presentare la dichiarazione da parte dell’istituzione scolastica di aver comunicato all’ente locale l’intenzione di aderire all’avviso. L’autorizzazione alla realizzazione o all’ampliamento dell’infrastruttura e dei punti di accesso alla rete LAN/WLAN, rilasciata dall’ente locale proprietario dell’edificio, sarà richiesta solo a seguito dell’approvazione del progetto.

 

Una scuola costituita da 4 plessi per un totale di circa 750 alunni può candidarsi con un progetto che preveda il cablaggio strutturato di tre sedi o l’intervento deve necessariamente interessare tutti gli edifici? Qual è il massimale a previsto nel caso in cui la progettazione coinvolga solo tre plessi?

Poiché codesta istituzione scolastica si compone di un numero di plessi superiore a 3 e prevede di presentare un progetto di realizzazione dell’infrastruttura di rete su almeno 3 dei suoi plessi, può presentare una candidatura con il massimale di 18.500 €.

 

In che consiste la progettazione? Il personale che predispone la candidatura può essere retribuito come progettista?

La progettazione consiste nell’insieme delle attività di definizione e gestione del progetto che è necessario vengano espletate dall’autorizzazione dello stesso in poi. Non rientrano nella definizione di progettazione, e quindi non possono essere retribuite a valere sul progetto, tutte le attività propedeutiche alla definizione iniziale dell’intervento e all’inserimento in piattaforma della candidatura. Il progettista può essere selezionato tra il personale interno della scuola o individuato come professionista esterno solo successivamente all’autorizzazione, mediante un avviso pubblico, secondo le modalità che verranno meglio specificate nelle “Linee guida per l’affidamento dei contratti pubblici di servizi e forniture” di prossima pubblicazione. La progettazione consta sostanzialmente delle attività propedeutiche all’indizione della procedura di evidenza pubblica e alla predisposizione del relativo capitolato tecnico, nonché delle operazioni di aggiornamento e verifica delle informazioni inserite in piattaforma. Il progettista non potrà in nessun caso ricoprire anche il ruolo di collaudatore del progetto.

 

In che consiste il collaudo? Chi può fare il collaudatore?

Il collaudo consiste nella verifica della completezza e del corretto funzionamento delle attrezzature che sono state acquistate con il progetto. Il Dirigente scolastico nomina un collaudatore singolo o una commissione di collaudo selezionati tra il personale interno della scuola munito di adeguata competenza tecnica. Nel caso in cui l’organico dell’istituzione scolastica non includesse personale esperto si potrà procedere mediante selezione di un collaudatore esterno, secondo le modalità che verranno descritte nelle “Linee guida per l’affidamento dei contratti pubblici di servizi e forniture” di prossima pubblicazione. È compito del collaudatore redigere, insieme al rappresentante della ditta e ad un rappresentante dell’istituzione scolastica, il verbale di collaudo. In nessun caso le attività di collaudo possono essere affidate al progettista.

 

Come verrà applicato il criterio di valutazione “a) disagio negli apprendimenti” alle scuole ricadenti nel territorio regionale del Friuli Venezia Giulia, caratterizzato dalla presenza della minoranza linguistica slovena?

Il criterio di valutazione “a) disagio negli apprendimenti”, come indicato nella nota metodologica, prende in considerazione i punteggi ottenuti dalle scuole e dagli allievi in italiano e matematica. Per le scuole ricadenti all’interno delle comunità di minoranza linguistica, al fine di evitare disparità nella valutazione, all’indicatore “a) disagio negli apprendimenti” verrà attribuito un valore pari alla media nazionale dei punteggi.

 

Le istituzioni scolastiche già parzialmente dotate di infrastrutture di rete possono candidarsi per entrambe le sotto azioni? Nel caso in cui fosse possibile, devono necessariamente fare richiesta per la sotto azione A2 Ampliamento o adeguamento dell’infrastruttura e dei punti di accesso alla rete LAN/WLAN, con potenziamento del cablaggio fisico ed aggiunta di nuovi apparati?

Le istituzioni scolastiche, cui è rivolto l’avviso, possono partecipare candidandosi per una sola delle due sotto azioni previste (A1 Realizzazione dell’infrastruttura e dei punti di accesso alla rete LAN/WLAN; A2 Ampliamento o adeguamento dell’infrastruttura e dei punti di accesso alla rete LAN/WLAN, con potenziamento del cablaggio fisico ed aggiunta di nuovi apparati). Le scuole che hanno beneficiato del finanziamento di cui all’Avviso prot. n. 2800/2013 posso candidarsi esclusivamente per progetti di ampliamento e adeguamento dell’infrastruttura e dei punti di accesso alla rete LAN/WLAN (sotto azione A2). Le altre istituzioni scolastiche possono optare per una o per l’altra sotto-azione.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*